Calcio a 5: il portiere goleador del Canottieri Lazio Futsal

COMUNICATO STAMPA 25 OTTOBRE 2011

Nella vittoria contro Scafati Santa Maria dello scorso sabato, tra i goleador della Canbottierilazio Futsal è figurato anche il portiere Michele Miarelli; sua, infatti, la rete che (a 25 secondi dal termine della gara) ha interrotto le velleità di pareggio dei campani e fissato la partita sul 4-2. Ma Miarelli non è giocatore nuovo a queste imprese…

Non solo è uno dei portieri più bravi d’Italia (“un talento; potrebbe anche giocare in una squadra di calcio di alto livello”, ha detto l’ex calciatore di Lazio e Milan, Giuseppe Pancaro, presente alla Futsal Arena sabato scorso), elemento (quasi) stabile della rosa della Nazionale A allenata da Roberto Menichelli, ma è anche un insospettabile – e prolifico – goleador: Michele Miarelli, dopo aver saltato per infortunio tutta la preparazione, si sta confermando uno dei punti di forza della CLF nella lotta verso la promozione in Serie A.

 

BOMBER (NON) DELLA PRIMA ORA. L’anno scorso, nella trionfale stagione che ha portato la Canottierilazio a vincere sia il campionato di Serie B che la coppa Italia, Michele Miarelli aveva siglato complessivamente quattro reti, tutte su rilancio dalla sua porta. Un portiere dai piedi buoni e dalla mira di un cecchino, come dimostrato sabato contro Scafati; il gol del 3-2 dei campani firmato da Testa al 15’24’’ della ripresa aveva messo la CLF nella condizione di dover “soffrire” l’entusiasmo dei campani negli ultimi minuti di gara, ma proprio quando la squadra di Douglas Pierrotti sembrava più pericolosa, ci ha pensato Miarelli, con un rinvio dalla propria area, a firmare un fantastico gol che faceva festeggiare alla CLF la quarta vittoria i altrettante partite di campionato. Una liberazione, in una gara giocata benissimo dal sodalizio di Lungotevere Flaminio e complicatasi proprio negli ultimi giri di lancetta.


LA MODESTIA DEL CAMPIONE.Sono stato fortunato” dice Michele Miarelli, tanto modesto quanto bravo, ma “è sempre emozionante segnare anche perché per un portiere non capita spesso”: “Nonostante i problemi fisici è comunque un periodo di salute positivo per me e per la squadra, perché realizzare quattro vittorie consecutive in un campionato difficile come questo e con prove estremamente convincenti come quelle che stiamo offrendo è segno dell’ottima condizione che sta attraversando la squadra”. E’ proprio il collettivo alla base del successo, secondo Michele: “Ognuno di noi dà sempre il massimo e contribuisce ai successi di questo gruppo, che è composto da grandissimi campioni e ragazzi affamati di successi”.


L’INVESTITURA DI RIPESI. Un gruppo di cui Michele è uno dei leader e una delle punte di diamante. Di lui, l’allenatore Marco Ripesi, dice che “ha i mezzi per diventare, con il tempo, il miglior portiere italiano. Deve solo crederci: ha qualità fisiche importanti e ha acquistato tutti i tempi nelle parate e nelle uscite”. Niente male, soprattutto se si ricorda che Ripesi è stato uno dei più grandi portieri italiani, campione d’Europa con la maglia azzurra e vincitore di due scudetti in carriera. Ma Miarelli, “grato” al suo allenatore, tiene i piedi per terra: “Occorre lavorare e lavorare tanto, perché in Italia ci sono ottimi portieri; su tutti Stefano Mammarella – il titolarissimo della Nazionale Italiana, campione d’Europa con Montesilvano – che a mio avviso è tra i primi cinque portieri al mondo. Noi “altri” dobbiamo faticare ancora per arrivare al suo livello”. Michele Miarelli, portiere, goleador, campione e ragazzo modesto.

 

Featured Links

Search Archive

Search by Date
Search by Category
Search with Google

Photo Gallery

Log in | Designed by Volleymania