Ciclismo> A Casalvieri il pass per la maglia azzurra con il Gran Premio Gemar Balloons

Il Gran Premio Gemar Balloons si rinnova anche per la seconda edizione e comincia a rivelare pian piano i caratteri di questo importante appuntamento che andrà in scena sabato 5 maggio a Casalvieri (Frosinone). Sarà valevole come seconda Pre-Indicativa europea in ambito federale e rappresenta un appuntamento fondamentale per chi vorrà guadagnarsi la maglia azzurra in occasione degli europei master a fine giugno.
La macchina organizzativa della MB Lazio Ecoliri del presidente Roberto Cancanelli sta procedendo a ritmo sostenuto per allestire al meglio l’evento: “Visto che esiste un ottimo rapporto con questa meravigliosa cittadina, abbiamo pensato che possa essere per il secondo anno di fila al centro di una delle principali manifestazioni ciclistiche amatoriali. È un segno evidente delle capacità organizzative della MB Lazio Ecoliri grazie soprattutto alla fattiva volontà degli sponsor in particolar modo della ditta Gemar Balloons di Angelo Rocca e figli. Si correrà nello splendido scenario della valle del Liri e in quello della valle di Comino dove si lambirà il lago di Posta Fibreno e si potrà ammirare tutta la bellezza del paesaggio di queste due vallate”.
Il circuito misura 30 chilometri ed è disegnato tra Casalvieri (località Purgatorio), Fontechiari, Posta Fibreno, Vicalvi e Atina che ricalcherà verosimilmente il circuito europeo della località Žďár nad Sázavou in Repubblica Ceka (le gare ufficialmente in programma dal 28 giugno al 1°luglio).
Sotto l’attento sguardo del commissario tecnico federale del settore amatoriale Luigi Bielli, la selezione dei migliori azzurri avverrà attraverso quattro gare di osservazione con la formula di uno scarto. Non è ammessa la partecipazione ai rappresentanti della categoria élite sport (i nati dal 1983 al 1993) perchè riservata ai soli master 1-2-3-4-5-6-7-8. Tenuto conto delle problematiche legate al calendario e alle varie concomitanze, sono state individuate le seguenti gare indicative: 28 aprile Buscate (Milano); 5 maggio Casalvieri (Frosinone); 27 maggio Casoria (Napoli); 2 giugno Gualdo Tadino (Perugia).
IL CAMMINO STORICO DI GEMAR BALLOONS
Angelo Rocca, nato nel 1884 ed orfano di padre dall’ età di 16 mesi, emigra in Francia con la famiglia all’età di 4 anni, per aiutare il cognato, produttore artigianale di palloncini a Marsiglia. Proprio a Marsiglia inizia la sua carriera, passando ben presto da venditore ambulante fino ad occuparsi della produzione. A soli 15 anni iniziò a portare avanti da solo il laboratorio e a rifornire i migliori negozi di Marsiglia. Due anni dopo decise di tornare nel suo paese d’orgine, Casalvieri per fondare la sua azienda manifatturiera di palloncini.
Era il 1902 e la storia centenaria della prima fabbrica di palloncini italiana ebbe inizio.
Angelo iniziò a vendere i propri palloncini su tutto il territorio nazionale ma anche in Europa, Africa e Medio Oriente. La produzione era ancora artigianale, “fatto a mano”, ed il processo della lavorazione molto lungo e complicato. Si iniziò quindi a cercare una soluzione per automatizzare il procedimento.
Questa avvenne nel 1972, per merito di Genesio Rocca, figlio di Angelo, che nel 1953 aveva fondato la “Ditta Cav. Genesio Rocca” e la traghetta da realtà artigianale ad industriale. Da quel momento la tecnologia si fonde con la grande conoscenza tecnica della famiglia Rocca, che rende ancora oggiAggiungi un appuntamento per oggi il palloncino Gemar un prodotto unico.
Nel 1977 è Angelo, il primogenito di Genesio, a prendere in mano le redini dell’azienda e a fondare nel 1990 la Gemar srl, una solida attività imprenditoriale attraverso la quale il gruppo ha oggi conquistato la leadership indiscussa in diversi mercati mondiali.

Luca Alò
333-3013269
luca.alo1981@libero.it
www.gsmblazio.it
www.gemar.it

Featured Links

Search Archive

Search by Date
Search by Category
Search with Google

Photo Gallery

Log in | Designed by Volleymania