Ciclismo> La Granfondo Knut Knudsen stupisce per il record di partecipanti

podio maschile mediofondo

A Vasanello in ottima evidenza Massimo Folcarelli ed Irene Gemignani nel lungo, Gregory Bianchi e Corinne Biagioni nel percorso corto
La Granfondo Knut Knudsen-Giro dell’Alto Lazio, giunta alla sesta edizione, ha riscosso un notevole successo per il numero degli atleti partecipanti da Lazio, Umbria, Abruzzo, Marche, Emilia Romagna e Toscana e per la qualità dei risultati tecnici ottenuti sul campo a riprova dell’efficacia di un collaudato format che si conferma sempre più attrattivo per i tanti cicloamatori che vogliono prepararsi per il finale di stagione scegliendo di correre sulle strade attorno a Vasanello (Viterbo).
Encomiabile come sempre l’organizzazione curata dalla Fortitudo Nepi Ciclismo con un gruppo di lavoro collaudatissimo che si è veramente dato da fare sotto tutti gli aspetti senza trascurare nulla: dai ristori al ricco pasta party e alle sontuose premiazioni con tanto di miss.
L’edizione 2012 ha superato sé stessa grazie al record di partecipanti (circa 600) e alla formula riuscitissima della partenza alla francese per chi non voleva cimentarsi contro l’assillo del tempo gara visto che sul percorso si incontravano i cicloturisti che si potevano godere pienamente le bellezze dei territorio umbro-laziale. Tra questi un gruppo di una ventina di norvegesi ospiti dell’ex professionista Knut Knudsen nel week-end scorso in qualità di accompagnatore dei propri connazionali per le strade di Vasanello e dintorni in bicicletta.
Chi ha fatto la gara vera e propria, con il caldo di Caligola che non ha dato per niente tregua, si è cimentato nei due percorsi a cavallo tra il Lazio e l’Umbria toccando i paesi di Amelia, Lugnano in Teverina per poi ritornare nel Lazio verso Orte dove dopo pochi chilometri si affrontava la salita di Vasanello (5 chilometri di salita con pendenza massima del 6%) ripetuta una volta sola per i partecipanti del percorso corto di 86 chilometri (1400 metri di dislivello) e due volte per quelli del lungo di 119 chilometri (dislivello 2100 metri).
Alle 8,40 in punto sono scattati i partecipanti del percorso corto con in prima fila Knut Knudsen, Pietro Tranfa (organizzatore e cicloamatore allo stesso tempo), le maglie di leader del Circuito degli Italici per poi lasciare spazio ai partecipanti del lungo che sono scattati alle 8,50.
Il via ufficiale ad Orte dopo un trasferimento di 7 chilometri e lo strappo di Montenero si è fatto subito sentire nelle gambe dei partecipanti. Proprio da qui è iniziato il poderoso attacco di Fabrizio Ferri (Hotel Ristorante Peppe e Rosella-Team Matè) che si è aggiudicato il Gran Premio della Montagna trascinandosi dietro anche Massimo Folcarelli (Drake Team-Nw Sport) e Mauro De Giuli (Cicli Conti 1980) che hanno provato a tallonare il neo campione italiano a cronometro federale. Dopo già un terzo di gara, l’azione dei tre è stata molto decisa trovando l’accordo e guadagnando subito un minuto di vantaggio su un gruppetto di inseguitori forte di 15 unità. In occasione del passaggio a Vasanello dopo circa 86 chilometri per andare ad affrontare il circuito finale tra Soriano nel Cimino e Bassano in Teverina, la situazione è rimasta immutata salvo a 4 chilometri dalla conclusione quando ha provato un doppio scatto Folcarelli: una prima volta e poi una seconda, senza successo, aspettando con Ferri e De Giuli il rettilineo finale.
Ai 500 metri ci ha provato Ferri senza risultato ma Folcarelli è riuscito a entrare per primo nell’ultima curva ed è andato a vincere con una volata di forza davanti ai valorosi compagni di fuga Ferri e De Giuli. Quarto da solo a circa 45 secondi e primo della categoria mista cadetti-junior Andrea Natali (U.C. Ezio Borgna). Il gruppetto con tutti i migliori è stato regolato dal “sempreverde” Stefano Colagè (Team Galluzzi-Acqua&Sapone) che ha strappato un ottimo quinto posto nonché leader tra i gentlemen.
“Non mi aspettavo di essere così brillante – ha dichiarato Massimo Folcarelli, di Anzio (Roma), campione italiano ed europeo in carica del cross country – ho effettuato dei lavori molto pesanti in preparazione per i mondiali cross country di metà settembre in Brasile, il mio prossimo obiettivo. Ho svolto un ottimo test e sono molto soddisfatto. C’è sempre stato accordo tra noi tre che eravamo in testa ed abbiamo viaggiato davvero molto forte. Non potevo non vincere sulle strade dello sponsor tecnico di casa Nw Sport della vicina Orte e questo successo è tutto merito mio per dedicarlo alla famiglia Tardito”.
“Ho provato subito a portare via la fuga – ha affermato Fabrizio Ferri, di Cavriglia (Arezzo), 9 volte campione italiano master tra strada e cronometro – e ci sono riuscito nel punto più duro del percorso lo strappo di Montenero, nonostante la brutta caduta nella terza tappa del Tour dell’Umbria sto pedalando bene. Adesso l’impegno, o meglio, il traguardo più importante è il mio matrimonio sabato 25 agosto”.
“Siamo andati molto forte e lo strappo di Montenero è risultato decisivo – ha commentato Mauro De Giuli, l’ex juniores e dilettante di Ceccano (Frosinone) -. La condizione è buona continuo a rimanere sempre sul podio. Un percorso impegnativo con poca pianura, davvero bello e complimenti all’organizzazione”.
Dopo Montefiascone, in campo femminile, ancora la provincia di Viterbo portafortuna per i colori giallorossi dell’AS Roma Ciclismo grazie alla performance della campionessa italiana 2011 granfondo federale Irene Gemignani molto abile a guadagnare nel finale in salita di Vasanello quel pochissimo margine che le è bastato per lasciarsi dietro la diretta avversaria Eva Pigna (Cicli Petta Alitalia Club) mentre il terzo gradino del podio è stato ad appannaggio di una eccellente Katia Maryse Ciambelli (Team Saccarelli Alpin) prima della fascia donne B davanti all’inossidabile tricolore 2011 Gabriella Asci (AS Roma Ciclismo) e a Maria Grazia Mignogna (Uil Polizia di Stato).
“Un vero successo personale – ha affermato nel dopo gara la livornese Irene Gemignani, vincitrice il 5 agosto scorso alla Granfondo Colli della Tuscia a Montefiascone (Vt) – . Il percorso era molto nervoso rispetto a Montefiascone ma con un gran caldo che non ha dato tregua. Per questo mi preme ringraziare i volontari dell’organizzazione che ci hanno assistito benissimo ma soprattutto un grazie al compagno di squadra Giorgio Fioretti che è stato al mio fianco dalla partenza fino al traguardo”.
Molto più scoppiettante rispetto al percorso lungo, l’andamento di quello corto che ha avuto come trampolino di lancio per il successo sempre lo strappo di Montenero, prima di Amelia, in cui hanno sferrato l’attacco Matteo Gnucci (Bikeland Team Bike 2003), Gian Francesco Cecera (Team Monarca Trevi) e Mauro Genovesi (Portalandia). Pochi secondi di vantaggio per il terzetto sui più immediati inseguitori e nel tratto più duro di Montenero ha forzato i tempi Gnucci che ha potuto conquistare il Gran Premio della Montagna intitolato alla memoria di Ignazio Purchiaroni. Alle sue spalle sono transitati in seconda posizione Gregory Bianchi (compagno di squadra di Gnucci), al terzo poco distante Cecera che non è riuscito a rimanere agganciato ai due al comando. Alle loro spalle si è formato un primo gruppo inseguitore forte di una ventina di unità. Con il passare dei chilometri al comando si sono ritrovati Gnucci e Bianchi della Bikeland Team Bike 2003 in compagnia di Andrea Rustici (Team Monarca Trevi) ed i 20 inseguitori ad un minuto ed un altro gruppo forte di 50 unità a 2 minuti dalla testa della corsa. Questa situazione è rimasta invariata anche dopo 57 chilometri uscendo da Amelia per tornare verso Orte. Proprio all’inizio dell’ascesa
verso Vasanello, Bianchi ha rotto gli indugi andandosene da solo sfoderando una maiuscola prestazione mentre Rustici si è portato all’inseguimento mentre Gnucci che è stato una valida spalla di Bianchi è stato recuperato dagli inseguitori.
Arrivo solitario per Gregory Bianchi: il leader della categoria mista cadetti-junior è stato accolto dagli sportivi di Vasanello con tanto calore e finalmente a segno in questa stagione dopo diversi problemi fisici legati ad un fastidio ad un ginocchio per il quale ha anche subito un intervento chirurgico.
Ottimo secondo il leader dei senior Rustici a circa 40 secondi, poi è seguito il gruppetto degli inseguitori in lizza per il terzo gradino del podio dove c’è voluto un serrato sprint a tre che ha visto Matteo Cecconi (Team Terenzi) imporsi su Fabrizio Giardini (Team Monarca Trevi) e tutti i migliori.
“Sono molto contento – ha affermato nel dopo gara Gregory Bianchi, terzo a Vasanello nell’edizione 2011 -. Questo successo mi ripaga del grande lavoro che ho svolto per tornare competitivo dopo l’intervento al ginocchio che ha condizionato buona parte di questa stagione. Sono venuto a Vasanello per vincere e ci sono riuscito, non era facile con un cast di partenti davvero qualificato. Devo ringraziare il mio compagno ed amico Matteo Gnucci perchè è stato perfetto a livello tattico mi ha fatto da punto di appoggio e mi ha aiutato nella fuga fino all’ultima salita, un bravo anche ad Andrea Rustici che ha sempre collaborato. Ora guardo con fiducia i prossimi appuntamenti, ci sono ancora un paio di mesi di gare”.
“Un buon secondo posto dietro ad un grande Gregory Bianchi è soddisfacente, – ha commentato Andrea Rustici -. Sono uscito molto bene dal Tour dell’Umbria che è terminato settimana scorsa. Sono un pò affaticato ma la condizione c’è, questo è un buon momento per tutta la squadra che dimostra sempre di essere molto competitiva. Per me è un periodo speciale perchè il 2 settembre prossimo mi sposo, quindi sono doppiamente felice”.
“Rientro alle gare dopo un periodo di riposo – ha dichiarato Matteo Cecconi, di Palestrina (Roma), in stagione terzo al campionato italiano federale amatori tra gli élite sport in Trentino – la terza posizione conquistata con una bella volata combattuta mi fa ben sperare visto che la condizione può solo crescere. Penso solo a mantenere la striscia positiva che mi vede sempre tra i primi cinque”.
Grande emozione e gioia per la campionessa italiana federale 2012 Corinne Biagioni (GC Melania), originaria di Tarquinia (Viterbo) che ha dominato il percorso corto come nel 2011: stavolta si è lasciata alle spalle in maglia tricolore l’altra viterbese di Civita Castellana (Vt) Maria Adele Tuia (Drake Team Nw Sport), Daniela Marinelli (Punto Bici) leader della categoria Donne B e Mariangela Roncacci (Asd Teamax).
“Sono molto legata a questa manifestazione – ha affermato la giovane atleta Biagioni classe 1991 prima di categoria tra le donne A – e sono soddisfatta della mia prestazione, voglio fare i complimenti all’organizzazione davvero ottima”.
“Questo secondo posto è un grande miglioramento per me rispetto alle ultime gare– ha dichiarato la Tuia, vincitrice quest’anno del corto alla Granfondo Colli della Tuscia-. Sto facendo molto da adesso per preparare la stagione del ciclocross e la strada mi sta dando molto”.
Lontani dalle posizioni nobili dell’arrivo, gli allori di categoria sono andati ad Antonio Gambacorta (Team Monarca Trevi) tra i veterani, Angelo Curi (Asd Redingò) tra i supergentlemen A, Giuseppe Bonaveri (Team Cbr Cicli Vicini) tra i supergentlemen B nella granfondo; Piergiorgio Giacovazzo (Team Maggi Frw) tra i veterani), Vincenzo Palumbo (Asd Disoflex) tra i gentlemen, Mario Luciani
(Asd Gs Ciclorapida) tra i supergentlemen B e Giancarlo Rivaroli (Asd Battistelli Extreme) tra i supergentlemen A.
La parola agli organizzatori Pietro Tranfa e Amedeo Formica in rappresentanza della Fortitudo Nepi Ciclismo: “Un ringraziamento particolare agli oltre 600 ciclisti che ci hanno permesso di vivere una bella giornata di sport. Possiamo ancora crescere perchè abbiamo messo tutto l’impegno possibile con rifornimenti puntuali e posti in maniera ottimale; il frutta party e il pasta party molto gradito subito dopo l’arrivo; la ricchissima premiazione molto apprezzata con tanti premi a sorteggio e l’estrazione di un telaio Prestigio. E poi ringraziare come sempre l’amministrazione comunale di Vasanello, tutti gli sponsor e a coloro che hanno collaborato perché ci fa ancora piacere sottolineare come la realtà di Vasanello è sempre pronta ad accogliere con calore e simpatia i tanti ciclisti provenienti da buona parte del Centro-Nord Italia”.
Gli ha fatto eco il “padrone di casa” della granfondo ovvero l’ex professionista norvegese Knut Knudsen: “Sono contento di quest’altra edizione trascorsa in pura allegria con tutti i partecipanti e con i miei connazionali norvegesi i quali sono rimasti contenti e vogliosi di ritornarci il prossimo anno. La mia gioia personale è paragonabile a una vittoria”.
La Granfondo Knut Knudsen-Giro dell’Alto Lazio era inserita nei circuiti Interforze, Italici, Trofeo Centro d’Italia-Lazio Cycling Tour e Campionato Italiano Fondo Acsi Erbavita con l’appoggio dei sponsor tecnici Joker (catena di supermercati norvegesi), Casa Etronia Vasanello, Digitor, Bayer, Zefiro, L’Unique Sport, Fast&Up Aminofood.it integratori alimentari, Corri Col Cuore-Pissei, Buracia, Università Agraria Vasanello.

ORDINE D’ARRIVO GRANFONDO MASCHILE
1. Folcarelli Massimo (Asd Drake Team Nw Sport – 1.Senior) 3.40’10”
2. Ferri Fabrizio (Asd Gs Hotel Ristorante Peppe & Rosella Mate – 2.Senior)
3. De Giuli Mauro (Asd Team Conti 1980 – 3.Senior)
4. Andrea Natali (UC Ezio Borgna – 1.Cadetti Junior)
5. Colage´ Stefano (Asd Bike Emotion – 1.Gentlemen)
6. Gambacorta Antonio (Team Monarca – 1.Veterani)
7. Ceccarelli Sergio (Asd Gc Tondi Sport – 4.Senior)
8. Neri Romano (Prestigio Royal Team – 2. Cadetti Junior)
9. Cerquetti Leonardo (Team Galluzzi Acqua E Sapone – 3. Cadetti Junior)
10. Sensi Danilo (Gs Time Bike – 5.Senior)
11. Cesaretti Federico (Asd Gs Hotel Ristorante Peppe & Rosella Mate – 6.Senior)
12. Conti Alfonso (Asd Team Conti 1980 – 7.Senior)
13. Orsini Emanuele (Asd Redingo´ – 8.Senior)
14. Pesciaroli Cesare (Asd Gianluca Faenza Team – 9.Senior)
15. De Cupis Peter (Asd Bicimania La Base – 2.Veterani)
16. Giorgio Bartolomeo (Asd Leonessa Takler Cycling Team – 2.Gentlemen)
46. Curi Angelo (Asd Redingo´ – 1.Supergentlemen A)
119. Bonaveri Giuseppe (Gs Team Cbr Cicli Vicini – 1.Supergentlemen B)

ORDINE D’ARRIVO GRANFONDO FEMMINILE
1. Gemignani Irene (As Roma Ciclismo – 1.Donne A) 4.05’17” (123)
2. Pigna Eva (Ciclipetta Alitalia Club Technip – 2.Donne A) (124)
3. Ciambelli Katia Maryse (Gsd Team Saccarelli Alpin – 1.Donne B) (130)
4. Asci Gabriella (As Roma Ciclismo – 2.Donne B) (131)
5. Mignogna Maria Grazia (Uil Polizia di Stato – 3.Donne B) (136)
N.B. l’ultima voce tra parentesi è il piazzamento nell’ordine d’arrivo generale

ORDINE D’ARRIVO MEDIOFONDO MASCHILE
1. Bianchi Gregory (Asd Bikeland Team Bike 2003 – 1. Cadetti Junior) 2.18’42”
2. Rustici Andrea (Team Monarca – 1.Senior)
3. Cecconi Matteo (Team Terenzi – 2. Cadetti Junior)
4. Giardini Fabrizio (Team Monarca – 2. Senior)
5. Forte Alessio (Team Terenzi – 1.Elite)
6. Giacovazzo Piergiorgio (Team Maggi Frw – 1.Veterani)
7. Elisei Fausto (Team Monarca – 3.Cadetti Junior)
8. Gnucci Matteo (Asd Bikeland Team Bike 2003 – 3.Senior)
9. Mattioli Giordano (Team Monarca – 4.Sen)
10. Panichi Mario Mariano (Asd Gs Hotel Ristorante Peppe & Rosella Mate – 2.Veeranit)
11. Marianeschi Emanuele (Asd Gs Hotel Ristorante Peppe & Rosella Mate – 4.Cadetti Junior)
21. Palumbo Vincenzo (Asd Disoflex – 1.Gentlemen)
46. Rivaroli Giancarlo (Asd Battistelli Extreme – 1.Supergentlemen A)
64. Luciani Mario (Asd Gs Ciclorapida – 1.Supergentlemen B)

ORDINE D’ARRIVO MEDIOFONDO FEMMINILE
1. Biagioni Corinne (Asd Gc Melania – 1.Donne A) 2.30’40” (74)
2. Tuia Maria Adele (Drake Team Nw Sport – 2.Donne A)
3. Marinelli Daniela (Asd Punto Bici – 1.Donne B) (151)
4. Roncacci Mariangela (Asd Teamax Gc – 3.Donne A) (161)
5. Chiappini Roberta (Gc Bevagna – 4.Donne A) (162)
6. Petrini Paola (Asd Gs Speedy Sport Racing – 2.Donne B) (193)
7. Di Paola Silvia (Gl Aamps 2009 Asd – 3.Donne B) (203)
8. Lezzerini Manuela (Velo Roma Asd – 5.Donne A) (218)
9. Buggini Alessia (Asd Team Ladispoli – 6.Donne A) (219)
10. Rigon Elisa (Asd Latinense Bike – 4.Donne B) (226)
11. Buso Maria Cristina (As Roma Ciclismo – 5.Donne B) (260)
12. Fratini Laura (Asd Teamax Gc – 6.Donne B) (268)
13. Massi Rita (Asd Bike Shop Pedalando – 7.Donne B) (272)
14. Filippone Rossana (Uil Polizia – 8.Donne B) (275)
N.B. l’ultima voce tra parentesi è il piazzamento nell’ordine d’arrivo generale
LE MAGLIE DI LEADER CIRCUITO DEGLI ITALICI PERCORSO CORTO
Cat. A (19-30 anni): Roberto Casagrande (Team Saccarelli Alpin)
Cat. B (31-36 anni): Giordano Mattioli (Team Monarca)
Cat. C (37-42 anni): Omar Pierotti (Val di Foro Cycling)
Cat. D (43-49 anni): Mario Mariano Panichi (Hotel Ristorante Peppe e Rosella-Team Matè)
Cat. E (50-57 anni): Stefano Costantini (Asd Disoflex)
Cat. F (58-65 anni): Giancarlo Rivaroli (Asd Battistelli Extreme)
Cat. F1 (58-65 anni): Giuseppe Franciosi (Asd Ciclismo Pontina)
Cat. G (19-39 anni): Roberta Chiappini (GC Bevagna)
Cat. H (40-54 anni): Daniela Marinelli (Asd Punto Bici)
LE MAGLIE DI LEADER CIRCUITO DEGLI ITALICI PERCORSO LUNGO
Cat. A (19-30 anni): Fanus Tsegay Berhe (AS Roma Ciclismo)
Cat. B (31-36 anni): Marco Ottobretti (Asd Il Girasole)
Cat. C (37-42 anni): Cesare Pesciaroli (ASD Gianluca Faenza Team)
Cat. D (43-49 anni): Antonio Gambacorta (Team Monarca)
Cat. E (50-57 anni): Marcello Innocenzi (As Roma Ciclismo)
Cat. F (58-65 anni): Giuseppe Faraglia (Vittorio Bike)
Cat. G (19-39 anni): Irene Geminiani (AS Roma Ciclismo)
Cat. H (40-54 anni): Paola Militoni (Asd Il Girasole)
VENERDI’ 24 AGOSTO A NEPI LA CLASSICISSIMA DI AGOSTO CON IL TROFEO SAN ROMANO
Con l’organizzazione della Fortitudo Nepi Ciclismo ,sotto l’egida del comitato provinciale Acsi Viterbo e con il patrocinio del comune di Nepi, domaniAggiungi un nuovo appuntamento per domani, venerdì 24 agosto è in programma una della gare più longeve della provincia viterbese portando avanti una tradizione che dura a partire dagli anni Sessanta in cui questa manifestazione è passata di mano da parte dei vari comitati e delle varie associazioni.
La 21esima edizione del Trofeo San Romano è insertita nell’ambito dei festeggiamenti in onore dei santi patroni Tolomeo e Romano, culminanti con la solenne processione la sera del 23, in cui per le vie della città vengono portate, all’interno di una macchina processionale, le reliquie dei due Santi.
Per venerdì potranno correre solo i tesserati Acsi-Udace e gli iscritti di altri enti al Gran Premio Viterbese: ritrovo alle 14,00 a Nepi in Via Roma, partenza ore 15,30, circuito di 11 chilometri da ripetere 6 volte tra Nepi, la strada statale 311 Nepesina e il bivio di Sutri, arrivo sempre in Via Roma in prossimità dell’Ufficio Postale.

http://www.kronoservice.com/it/kstiming/schedaclassifica.php?type=nocomp&idgara=892&idperc=3 per il corto
http://www.kronoservice.com/it/kstiming/schedaclassifica.php?type=nocomp&idgara=892&idperc=2 per il corto con partenza alla francese

Luca Alò
333-3013269
luca.alo1981@alice.it

Featured Links

Search Archive

Search by Date
Search by Category
Search with Google

Photo Gallery

Log in | Designed by Volleymania