Rugby> A Mogliano le Fiamme Oro restano all’asciutto

Presutti: “Abbiamo fatto quello che potevamo, ma loro sono stati superiori fisicamente e tecnicamente. Chiudiamo una serie di partite difficili. Da ora in poi tutto dipende da noi e da come affronteremo i prossimi match”

IL COMMENTO
Mogliano Veneto – Quattro sconfitte ed un punto conquistato in classifica, questo il bilancio delle Fiamme nelle prime quattro giornate del girone di ritorno, che ricalca le prime quattro di andata. Una sola differenza: il rapporto punti fatti/subiti (53/138 all’andata e 69/114 al ritorno), segno evidente di una crescita della squadra sia in fase di realizzazione che, soprattutto, nelle capacità difensive.
Il match di oggi al “Quaggia” contro il Mogliano si sapeva che sarebbe stato difficile, sia perché si andava ad incontrare nella propria tana una squadra in salute ed in piena corsa per un posto nei playoff-scudetto, sia perché l’affollata infermeria cremisi avrebbe alla lunga condizionato la prestazione del XV della Polizia di Stato.
I ragazzi di Presutti hanno messo in campo una prestazione a fasi alterne che, all’inizio, è riuscita a creare non pochi problemi ai padroni di casa, i quali hanno sentito il fiato dei cremisi sul collo per tre quarti del primo tempo, fino alla discutibile meta tecnica assegnata al 36’ dal signor Liperini. Da quel momento in poi i veneti sono saliti in cattedra, per poi dover solo controllare il ritorno delle Fiamme che, nella seconda frazione di gioco, hanno lottato su ogni pallone impegnando il XV di casa fino alla fine.
Con il risultato di oggi le Fiamme scendono di un altro gradino in classifica e vengono sorpassati di un punto dalla Lazio, oggiAggiungi un appuntamento per oggi vittoriosa in casa con il San Donà.
Quella contro la squadra allenata da Umberto Casellato, comunque, chiude la serie di partite quasi proibitive per le Fiamme, che nel prossimo turno (il 23 marzo) saranno impegnate di nuovo in trasferta a Reggio Emilia. Partita sicuramente più abbordabile per i cremisi ma fondamentale in chiave salvezza.
“Abbiamo fatto quel che potevamo – la dichiarazione di coach Pasquale Presutti all’uscita dal campo – ma loro sono stati superiori, come sapevamo, sia sul piano tecnico che su quello fisico. Ma c’è stato un momento in cui ho pensato che potevamo complicargli la vita, ma poi è arrivata quella meta tecnica data con frettolosità e da allora la superorità del Mogliano è venuta tutta fuori soprattutto in mischia. Chiudiamo un ciclo di partite difficili con la soddisfazione, comunque, di aver fatto molti punti a team più forti, avendoli anche spesso messi in seria difficoltà. Questo mi lascia ben sperare per il nostro futuro in questo campionato. Ora tutto dipende solo da noi e da come affronteremo le prossime partite”.

LA CRONACA
(si ringrazia Alfio Guarise-uff. stampa Marchiol Mogliano)
La partita si mantiene in sostanziale equilibrio per tutta la prima frazione con Mogliano che crea ma che non riesce ad oltrepassare la linea di meta delle Fiamme e muove il punteggio solo con i calci di punizione di Fadalti. Le Fiamme si mantengono attaccate al risultato grazie all’indisciplina dei biancoblù ed alla precisione di Benetti. Poi la svolta nei minuti finali del primo tempo con la meta di punizione concessa dall’Arbitro Liperini che sblocca finalmente i ragazzi di casa e nella ripartenza successiva è il “man of the match” Braam Steyn a concludere una lunga cavalcata dalla propria meta campo tuffandosi oltre la linea e scavando il divario che tranquillizza i padroni di casa sull’esito finale della partita. Secondo tempo che inizia sull’onda dell’entusiasmo per Mogliano ed è ancora Steyn a sfruttare l’avanzamento della propria mischia sui cinque metri avversari per segnare la sua seconda marcatura personale e terza complessiva per la squadra. E’ in quel momento, quando la meta del bonus sembra dover arrivare con facilità, che qualcosa comincia a non andare per il verso giusto e i veneti perdono efficacia lasciando che le Fiamme prendano confidenza e coraggio. Sutto e compagni usano la loro arma migliore e con le rolling maul da touche mettono in grossa difficoltà il Mogliano e si rifanno sotto con una meta ed un calcio di punizione. Il secondo tempo si trascina con i ragazzi di coach Casellato in difficoltà, ma a tempo quasi scaduto un altro sforzo degli avanti di casa porta a schiacciare in meta il pilone Costa Repetto e ai cinque punti in classifica. C’e ancora tempo per i Cremisi di sfruttare nuovamente la maul avanzante e togliersi la soddisfazione di un altra marcatura pesante con Morgan Vassallo.

IL TABELLINO
Mogliano, Stadio “Maurizio Quaggia”
Sabato 9 marzo 2013 ore 14,00
Campionato Nazionale di Eccellenza 2012/2013
Quindicesima Giornata

MARCHIOL MOGLIANO Vs FIAMME ORO RUGBY 35 – 23 (23 – 6)
Marcatori: pt.: 5′ Fadalti cp (Mogliano Rugby) 3-0; 12′ Benetti cp (Fiamme Oro) 3-3; 16′ Fadalti cp (Mogliano Rugby) 6-3; 20′ Benetti cp (Fiamme Or0) 6-6; 29′ Fadalti cp (Mogliano Rugby) 9-6; 36′ Mogliano meta tecnica, Fadalti tr (Mogliano Rugby) 16-6; 40′ Steyn meta, Fadalti tr (Mogliano Rugby) 23-6
st.: 4′ Steyn meta (Mogliano Rugby) 28-6; 21′ Forcucci meta, Canna tras. (Fiamme Oro) 28-13; 26′ Canna cp (Fiamme Oro) 28-16; 38′ Mogliano meta Costa Repetto, Fadalti trasf (Mogliano Rugby) 35-16; 43′ Vassallo meta trasf Canna (Fiamme Oro) 35-23
Marchiol Mogliano: 15 Galon, 14 Onori, 13 Nathan (29′ st Ceccato E.), 12 Cerioni, 11 Fadalti, 10 Rodriguez, 9 Lucchese, 8 Steyn (14′ st Swanepoel), 7 Barbini (8′ Candiago E.), 6 Ceccato Andrea (Cap.) (8′ st Orlando), 5 Bocchi (34′ pt Pavanello per sangue), 4 Maso (8′ st Pavanello), 3 Ravalle (38′ st Naka), 2 Gianesini, 1 Costa Repetto
a disp.: 16 Naka, 17 Pavanello, 18 Ceneda, 19 Swanepoel, 20 Endrizzi, 22 Ceccato Enrico, 23 Candiago Edoardo, 25 Orlando
All.: Casellato, Properzi
Fiamme Oro Rugby: 15 Barion, 14 De Gaspari, 13 Massaro, 12 Forcucci, 11 Valcastelli, 10 Canna, 9 Benetti (40′ pt Vassallo), 8 Balsemin, 7 Zitelli, 6 Cerasoli (11′ st Gentili), 5 Cazzola, 4 Sutto, 3 Duca (1’st Di Stefano), 2 Vicerè (20′ st Cerasoli), 1 Cocivera (11′ st Moscarda)
a disp.: 16 Gentili, 17 Moscarda, 18 Maestri, 20 Vassallo, 22 Mariani, 23 Di Stefano, 24 Calandro, 26 Galluppi
All.: Presutti
arbitro.: Liperini (Livorno)
g.d.l.: Navarra (Trieste), Lento (Tricesimo, UD)
quarto uomo: Zucchi (Livorno)
Cartellini: 11′ st.Vicerè (Fiamme Oro)giallo
Man of the match: Steyn (Mogliano Rugby)
Calciatori: Fadalti 6/7(Mogliano Rugby), Benetti 2/3(Fiamme Oro), Canna 3/3(Fiamme Oro)
Note: giornata nuvolosa e umida, clima non freddo, temperatura 12°, campo pesante. Circa 300 spettatori.
Punti conquistati: Marchiol Mogliano 5; Fiamme Oro 0

Cristiano Morabito – Responsabile Ufficio stampa Fiamme Oro Rugby

Featured Links

Search Archive

Search by Date
Search by Category
Search with Google

Photo Gallery

Log in | Designed by Volleymania