Action Week 2013, a Roma una tre giorni di sport e cultura antirazzista

Parte domani la tre giorni romana della Action Week 2013, la settimana organizzata dalla rete europea Fare (Football against racism in Europe). Fino al 29 ottobre su tutto il continente il calcio sarà sinonimo di integrazione, accoglienza e amicizia, coinvolgendo tifosi, club sportivi, minoranze etniche e comunità colpite da diverse forme di discriminazione in una battaglia comune contro il razzismo.
Nella nostra città per la prima volta una serie di associazioni guidate dall’Esquilino Football Club (Uisp Roma, All Reds Rugby, Scup, La Corsa di Miguel, Liberi Nantes, Polisportiva G. Castello, Piazza Vittorio Cricket Club, GS Esquilino basket, Ecuador Amazonico, Associazione Genitori Di Donato, Polisportiva Socrates) organizza un programma ricco di avvenimenti collegati da un unico filo rosso.
“L’idea è quella di coinvolgere tutte le forze che in città si occupano di questi temi e proporre eventi sull’educazione allo sport, storia e memoria, gesti simbolici. In questo modo cercheremo di rimettere lo sport al centro del dibattito cittadino per arrivare ad un tavolo di discussione europea su come affrontare realmente il problema del razzismo nel calcio, senza limitarsi a comminare multe alle società”, spiega Giovanni Castagno, responsabile della scuola calcio Esquilino Football Club e instancabile organizzatore della tre giorni.
Il programma è vario e per tutti i palati. Si parte venerdì alle 18, alla sede Uisp Roma di viale Giotto 18 con la presentazione del libro “Le mete dell’allenatore”, di Flavia Sferragatta. Assieme all’autrice ne discuteranno il professore della Sapienza Fabio Lucidi, la giornalista Gabriella Greison e il consigliere comunale Erica Battaglia.
Sabato invece lo sport si potrà fare in prima persona con una pedalata che partirà alle 9,30 dalla scuola Di Donato (uno dei primi esempi di integrazione in città) all’Esquilino per giungere al mitico campo della Polveriera a Colle Oppio, teatro dell’ormai storico torneo organizzato dall’Ecuador Amazonico. Lì, dai bambini ai più grandi, si potranno praticare calcio, rugby, cricket, basket, capoeira e scacchi. Dalle 12 poi sempre alla Polveriera si terrà il dibattito sul libro “Molto più di un gioco, il calcio contro l’apartheid” di Chuch Korr e Marvin Klose con la traduttrice Valentina Iacoponi, Raffaella Chiodo della Uisp Internazionale, il giornalista Matteo Patrono, Mauro Valeri, sociologo ed esperto di razzismo nello sport e i consiglieri comunali Marco Palumbo e Giulia Tempesta.
Il ricchissimo programma si concluderà domenica alle 12 alla sala Intermundia della scuola Di Donato (via Nino Bixio 84) con il dibattito dal titolo “Tommy Smith, John Carlos… e Peter Forman”, con il giornalista Valerio Piccioni e il responsabile dei mondiali antirazzisti della Uisp Carlo Balestri, il presidente del Coni Regionale Riccardo Viola, i consiglieri comunali Valentina Grippo e Gianluca Peciola.

Ufficio Stampa

Featured Links

Search Archive

Search by Date
Search by Category
Search with Google

Photo Gallery

Log in | Designed by Volleymania