Tennis> La Errani centra i quarti, fuori la Schiavone

Esulta Sara Errani. In questo giovedì azzurro – ma tutto al femminile – agli Internazionali BNL d’Italia in corso al Foro Italico è suo il primo acuto. E l’obiettivo quarti è centrato. Più tardi in campo anche Francesca Schiavone e Flavia Pennetta.
Su quello che oramai è diventato il campo azzurro per antonomasia, cioè il “Pietrangeli”, Sara Errani batte 64 76(3) la ceca Petra Cetkovka e si qualifica per i quarti. La romagnola, che questa settimana prova a difendere i punti della semifinale dello scorso anno (quando fu fermata da Azarenka), sfata finalmente il tabù contro un’avversaria, la 29enne di Prostejov, numero 69 Wta (sara è 11esima) contro la quale aveva perso i due precedenti scontri diretti, entrambi con matchpoint a favore. Questa volta Sarita parte bene: suo il primo break dell’incontro (terzo gioco) che difende fino all’ottavo. Nel game successivo l’azzurra strappa nuovamente la battuta alla ceca, che sbaglia qualcosa più del dovuto, e si aggiudica poi il primo parziale al secondo setpoint.Nella seconda frazione tutto regolare fino al sesto gioco quando la Cetkovska fa il break e prova l’allungo (4-2). Sara reagisce e mette a segno il contro break prima di riagganciare l’avversaria sul quattro pari. All’undicesimo gioco l’azzurra strappa ancora la battuta alla ceca che però riesce a rifuggiarsi nel tie-break. Cominciano ad aleggiare gli spettri delle due sfide precedenti che Sara caccia via volando subito 3-0 per poi chiudere per 7 punti a 3 ala seconda opportunità. Ancora percorso netto dunque per Sarita che anche nei primi due turni non aveva concesso nemmeno un set alle avversarie: dopo la vittoria suspance (per i problemi respiratori accusati alla fine del primo set) dell’esordio contro la sudafricana Scheepers, aveva infatti liquidato piuttosto agevolmente la mancina russa Ekaterina Makarova, “giustizziera” dell’amica e compagna di doppio Roberta Vinci. Nei quarti Sara dovrà vedersela con la cinese Li Na (63 61 alla Stosur), finalista nell’edizione del 2012 (stoppata dalla Sharapova): nel bilancio dei confronti diretti la 32enne di Wuhan è avanti per 6 a 0.
Sempre sul “Pietrangeli” finisce, invece, l’avventura di Francesca Schiavone, battuta 64 61 dalla polacca Agnieszka Radwanska, terza testa di serie e numero 3 del ranking mondiale: la 25enne di Cracovia infila così la sesta vittoria di fila contro la “leonessa” (che aveva invece vinto i primi quattro confronti). Francesca fino agli Internazionali aveva un bilancio di tre vittorie contro 12 sconfitte: al Foro ha vinto due partite – riproporzionando le ambizioni della 20enne stellina canadese Eugenie Bouchard e dell’altra speranza mondiale (anche lei decisamente avvenente), la spagnola Muguruza – ed anche contro la Radwanska, soprattutto nel primo set, non ha sfigurato. Partenza a razzo di Aga (2-0) con Francesca che pareggia subito ma è costretta poi ad inseguire per tutto il set: sotto 3-5 illude il pubblico recuperando il break di svantaggio ma poi cede il set al decimo gioco perdendo la battuta a quindici. Secondo parziale a senso unico: interminabile il terzo gioco con la Radwanska costretta ad annullare tre palle-break prima di salire 3-0. Francesca continua a lottare ma la maggiore freschezza atletica della polacca ha la meglio e Radwanska non rischia più nulla fino al 61 conclusivo. La Schiavone era alla sua diciassettesima partecipazione consecutiva al Foro Italico dove ha raggiunto quattro volte i quarti (2011, 2005, 2004 e 2001).
Nel tardo pomeriggio, ma sul Grand Stand, Flavia Pennetta completa il tris azzurro affrontando la serba Jelena Jankovic, sesta favorita del seeding e numero 8 del ranking mondiale. Il bilancio dei precedenti vede la 29enne di Belgrado avanti per 7-2. “JJ”, due volte regina al Foro Italico (2007 e 2008) ha infatti superato in un match conclusosi ampiamente dopo la mezzanotte la russa Svetlana Kuznetsova (rivincita della finale 2007), ritiratasi sul punteggio di 62 4-0 in favore della serba. Con i successi sull’austriaca Meusburger e soprattutto sulla giovanissima svizzera Belinda Bencic, Flavia sta dimostrando di poter ripetere quantomeno i quarti, già raggiunti nel 2006 e poi nel 2012, quando fu costretta al ritiro contro Serena Williams per i noti problemi al polso: in questa stagione la brindisina è risalita fino al numero 12 del ranking grazie ai quarti agli Australian Open ed al trionfo ad Indian Wells.

Tiziana Tricarico
Ufficio Stampa
www.internazionalibnlditalia.com

Featured Links

Search Archive

Search by Date
Search by Category
Search with Google

Photo Gallery

Log in | Designed by Volleymania