Ciclismo> Tour de France: a Colmar il gran giorno di Peter Sagan

È arrivata finalmente la zampata vincente di Peter Sagan: prima vittoria al Tour de France 2019 e dodicesima in carriera alla Grande Boucle per il corridore slovacco della Bora Hansgrohe che sul traguardo di Colmar ha messo in fila Wout Van Aert (Team Jumbo-Visma), Matteo Trentin (Mitchelton Scott), Sonny Colbrelli (Bahrain Merida), Greg van Avermaet (CCC Team), Julien Simon (Cofidis) e Michael Matthews (Team Sunweb).

Lo slovacco, ex campione del mondo, ha imitato The Incredible Hulk con la classica esultanza nel mostrare i muscoli e ambisce a un record: conquistare la settima maglia verde di leader della classifica a punti.

Sagan è stato pilotato alla perfezione dai suoi compagni di squadra in un gruppo orfano di alcuni velocisti puri (Elia Viviani della Deceuninck Quick Step, Caleb Ewan della Lotto Soudal, Aleksander Kristoff della UAE Team Emirates, Giacomo Nizzolo della Dimension Data e Dylan Groenewegen del Team Jumbo-Visma) al culmine di una tappa ondulata di 175 chilometri (partenza da Saint-Die-des-Vosges) piu alla portata degli attaccanti che comprendeva due salite di seconda categoria e due di terza.

Il campione europeo Trentin ha lanciato per primo lo sprint ma con la sua potenza Sagan non ha dato alcuna possibilità ai suoi rivali di tentare la rimonta.

Al terzo giorno consecutivo in maglia gialla, Julien Alaphilippe (Deceuninck Quicik Step) ha chiuso al decimo posto per rimanere in testa alla classifica generale con 14 secondi su Van Aert che, a sua volta, ha accorciato il divario nei confronti del corridore francese ottenendo i sei secondi di abbuono al traguardo con il secondo posto di tappa.

Terminata a 22 chilometri dall’arrivo l’azione di Toms Skujins (Trek Segafredo) ultimo superstite di una fuga nella quale è stato tra i promotori insieme a Tim Wellens (Lotto-Soudal), Mads Würtz Schmidt (Katusha-Alpecin), Simon Clarke (EF Education First) e che ha avuto un vantaggio massimo di 2’30” al chilometro 97.

Nel finale movimentato di tappa, ha preso il sopravvento Rui Costa (UAE Team Emirates) ma è stato ripreso a due chilometri dall’arrivo prima della volata tanto attesa che ha consacrato un ritrovato Sagan dopo la mancata vittoria sabato scorso nella tappa inaugurale a Bruxelles.

“Dovevo avere pazienza, la vittoria è arrivata. I miei compagni di squadra hanno fatto un ottimo lavoro, abbiamo gestito la gara tutto il giorno e abbiamo concluso in maniera fenomenale la nostra giornata” ha dichiarato Sagan alla quarta vittoria stagionale e sempre più leader della classifica a punti.

Per gli uomini di classifica Geraint Thomas (Team Ineos), Egan Bernal (Team Ineos), Vincenzo Nibali (Bahrain Merida), Rigoberto Uran (EF Educational First), Nairo Quintana (Movistar), Steven Kruijswijk (Team Jumbo-Visma) e Thibaut Pinot (Groupama Fdj) è stata una giornata relativamente tranquilla ma tutte le loro attenzioni saranno rivolte alla sesta tappa con arrivo in cima a La Planche des Belles Filles che quasi certamente riscriverà la classifica generale.

ARRIVO 5°TAPPA

1. Peter Sagan (Bora-Hansgrohe)

2. Wout van Aert (Team Jumbo-Visma)

3. Matteo Trentin (Mitchelton-Scott)

4. Sonny Colbrelli (Bahrain Merida)

5. Greg van Avermaet (CCC Team)

6. Julien Simon (Cofidis)

7. Michael Matthews (Team Sunweb)

8. Nils Politt (Katusha-Alpecin)

9. Jasper Stuyven (Trek-Segafredo)

10. Julian Alaphilippe (Deceuninck-Quick Step)

CLASSIFICA GENERALE DOPO LA 5°TAPPA

1. Julian Alaphilippe (Deceuninck-Quick Step)

2. Wout van Aert (Team Jumbo-Visma) a 14”

3. Steven Kruijswijk (Team Jumbo-Visma) a 25”

4. George Bennett (Team Jumbo-Visma)

5. Michael Matthews (Team Sunweb) a 40”

Luca Alò
10/07/2019

Print Friendly Print Get a PDF version of this webpage PDF

Collegamenti

Cerca nell'archivio

Cerca per data
Cerca per Rubrica
Cerca con Google

Galleria fotografica

Collegati | Disegnato da Volleymania