Rugby> Fiamme Oro in ritiro a Moena

Moena (Tn) – Inizia il ritiro pre stagionale delle Fiamme che, fino al 13 di agosto, svolgeranno la preparazione al Campionato di Peroni TOP12 2019-20 presso il Centro Addestramento Alpino della Polizia di Stato a Moena (TN).

Una rosa di 40 giocatori quella che si è presentata agli ordini di Gianluca Guidi, dove spicca, oltre alla presenza di tutti giocatori italiani, soprattutto l’età media degli atleti Cremisi, quest’anno ancor più bassa di quello precedente, che è di poco più di 23 anni, con capitan Filippo Cristiano (classe 1987) chiamato a far da chioccia ad un router che conta tra le sue fila ben cinque giocatori nati nel XXI Secolo.

Ad abbassare ancora di più la media dell’età della squadra, ci pensano anche altri due giocatori: Alessio Crea, centro-ala nato nel 2002, e Filippo Gigli, anche lui centro-ala del 2002, entrambi atleti della Under18 delle Fiamme e aggregati alla prima squadra per tutto il periodo del ritiro in Trentino. Un “esperimento” che, oramai, è diventato una bella realtà giunta al terzo anno e inaugurata con la gestione di coach Gianluca Guidi e del Direttore Tecnico Sven Valsecchi

Inoltre, da quest’anno entrano in pianta stabile nel primo XV Cremisi anche l’apertura Sean Valsecchi, il terza linea Alessandro Asoli e l’ala Paolo di Giammarco; tre giocatori classe 2000 provenienti dalle giovanili delle Fiamme, poiché lo scorso anno militavano nella Legio Roma Invicta, la franchigia che univa le Fiamme Oro Rugby e la Nuova Rugby Roma.

Non tutti gli atleti delle Fiamme saranno a disposizione dello staff tecnico per l’intero periodo del ritiro, poiché attualmente aggregati alle due franchigie italiane del Pro14, sia come permit player (Matteo Nocera, Iacopo Bianchi e Ludovico Vaccari con il Zebre Rugby Club) sia in regime di doppio tesseramento (Michelangelo Biondelli con le Zebre e Giuseppe di Stefano con la Benetton Treviso) o, ancora, come invitati alla preparazione prestagionale (Simone Marinaro alla Franchigia federale).

“Un processo di radicale ringiovanimento della rosa, che non sarebbe possibile se non ci fosse uno ‘zoccolo duro’ di atleti esperti sul quale poter contare – ha dichiarato il Direttore Tecnico Cremisi, Sven Valsecchi – Giocatori come il capitano, Filippo Cristiano, Simone Marinaro, Roberto Quartaroli, Simone Parisotto, Alain Moriconi, Niccolò Zago, Matteo Cornelli, Amar Kudin, Emiliano Caffini o George Iacob, solo per fare alcuni nomi di quelli che, oltre a giocare in prima squadra sono costantemente impegnati con i nostri Settori giovanili, dal minirugby alla Under18. Il nostro obiettivo, e le convocazioni per questo ritiro ne sono la dimostrazione, è quello di rendere il nostro Settore giovanile (che attualmente conta più di 300 atleti dalla Under6 alla Under18) sia un serbatoio dal quale attingere, sia una base di partenza per questi ragazzi che sognano di indossare un giorno la maglia della prima squadra delle Fiamme. Sono orgoglioso del lavoro che abbiamo fatto finora, anche nella formazione di figure nella dirigenza, nello staff tecnico, dei preparatori e dei terapisti, quasi tutti provenienti da ambiente Fiamme Oro e Polizia di Stato. Per questo ritengo che lavorare accanto a professionisti del calibro di Gianluca Guidi, con il quale ho instaurato un ottimo rapporto e un confronto costante e costruttivo, per noi Fiamme possa essere un’ottima occasione di crescita sia professionale che personale”.

5 agosto 2019

Cristiano Morabito – Media manager Fiamme Oro Rugby

Print Friendly Print Get a PDF version of this webpage PDF

Collegamenti

Cerca nell'archivio

Cerca per data
Cerca per Rubrica
Cerca con Google

Galleria fotografica

Collegati | Disegnato da Volleymania