Pesistica> Antonio Urso rieletto Presidente FIPE con il 92.1% dei voti

Ovazione per Urso che, in carica dal 2005, inizia il suo ultimo mandato

Roma, 11 ottobre 2020

Antonio Urso viene rieletto Presidente del Federazione Pesistica. Il nisseno, unico candidato alla carica presidenziale, necessitava del 55% delle preferenze ma ha ricevuto la fiducia del 92.1% dei voti; in carica dal 2005, ora intraprende il suo ultimo mandato in FIPE.
“Affrontiamo un quadriennio con tante incognite quindi grazie, perché vi ho chiesto una fiducia al buio e perché sento che questa fiducia mi viene data non solo per il mio ruolo ma anche per la mia persona. Spero che questa Federazione possa fare quei progetti ora determinanti per attraversare questo momento di importanti cambiamenti culturali, sociali, organizzativi di questa Nazione. Credo che oggi l’unico processo sociale-educativo su cui possiamo contare sia lo sport, quindi abbiamo anche delle responsabilità per il futuro dei giovani e della società. Dobbiamo dare ai giovani la possibilità di vedere qualcosa oltre al traguardo”.
“Questo è il mio ultimo mandato. Lo affronto ancora con l’energia e la motivazione con cui ho cominciato ma è giusto che altri continuino a gestire questa Federazione, facendo quello di cui c’è bisogno. Credo che ognuno di noi possa fare delle cose importanti in un determinato periodo storico e chi tra quattro anni mi sostituirà, lo invito sin da adesso a non fare nulla di quello che ho fatto io. Questo perché tra quattro anni ci sarà una nuova società, una nuova cultura, una nuova organizzazione sportiva, quindi andrà fatto altro. È folle pensare che quello che abbiamo fatto finora possa funzionare tra 4 o 8 anni. Scelgo di chiudere perché è giusto che qualcuno prenda le redini della FIPE pensandola in altra maniera. Credo che occorra avere la capacità e il coraggio di andare via quando le cose vanno bene. Bisogna pensare che questa Federazione, che tra due anni festeggerà 120 anni di vita, possa festeggiarne altri 120, forse con una storia ancora più importante di quella di oggi”.

Fiducia al buio
Con molta onestà poi il Presidente Urso ha parlato del futuro, con tutti i punti interrogativi che la situazione contingente richiede:
“Non so cosa succederà, non siamo un grado di fare un bilancio preventivo. È la prima volta che mi capita e questa cosa mi infastidisce molto, perché in tutti gli altri mandati tutto quello che abbiamo presentato in Congresso in termini di programmazione si è avverato. Perché credo che un politico, così come un dirigente sportivo, debba essere credibile, dove la credibilità sta nel presentare dei programmi e nel realizzarli, nel tempo giusto. Questa si chiama serietà. Noi ci siamo riusciti ma ora, onestamente, sono a chiedervi la fiducia al buio, perché non sappiamo come potremmo gestire il prossimo anno e l’intero quadriennio olimpico. Forse dovremmo fare cambiamenti, forse no, forse dovremo fare altre cose. L’unica cosa che dovremo fare sicuramente, e questo lo chiedo soprattutto alle organizzazioni territoriali, è di essere più smart di un fulmine”.
La pesistica internazionale
Le parole di Antonio Urso sono dettate ovviamente dall’attuale situazione sanitaria, ma anche dalla situazione internazionale che la pesistica sta affrontando:

“Nel corso del 2019 finalmente il mondo dello sport ha aperto gli occhi sul fatto che la pesistica internazionale fosse gestita da un criminale. Non trovo altre parole per definire una persona capace di vendere dei controlli antidoping per bambine di 12 anni. E ora il Presidente del CIO mette in discussione la nostra presenza. La Pesistica è nei Giochi Olimpici da sempre ma ora, già a partire da Parigi 2024, potrebbe non esserci più. Per noi sarebbe un disastro. Significherebbe perdere 1 milione e 600 mila euro dati dal CONI per la preparazione olimpica, cosa che la pesistica non si può permettere. Pochi giorni fa, con un gruppo di persone ragionevoli all’interno dell’IWF, ci siamo domandati cosa è opportuna fare, perché purtroppo la gestione temporanea sembra essere peggiore della precedente. Sostanzialmente non è cambiato nulla, le dinamiche sono le stesse. Io tenterò di fare l’impossibile perché se la Pesistica esce dai Giochi Olimpici è un disastro per l’intero movimento”.

I numeri FIPE degli ultimi 15 anni

Nel corso della X Assemblea Nazionale Ordinaria Elettiva delle Associazioni e delle Società Sportive, nel corso della quale sono state rinnovate le cariche del Consiglio Federale e del Presidente del Collegio dei Revisori dei Conti, per il Quadriennio 2021-2024, il Presidente Urso ha ripercorso i 15 anni della sua Presidenza, dati alla mano.
“Le medaglie, quindi i risultati riportati in campo internazionale, hanno avuto un incremento esponenziale: 70 quelle vinte dal 2005 al 2008, 42 dal 2009 al 2012, 130 dal 2013 al 2016, 223 dal 2017 al 2020 considerando che il 2020 si è interrotto a febbraio e chissà quante avremmo potuto portarne a casa. Per un totale di 465 medaglie. Il tutto sotto la dirigenza del Direttore Tecnico Sebastiano Corbu, il DT che ha vinto più medaglie nella storia della nostra Federazione.
Dal 2005 a oggi siamo passati da 1.013.651 euro di contributi da parte del CONI per attività sportiva, attività straordinaria e per progetti speciali, a 2.177.991 euro. I nostri fatturati sono triplicati rispetto al 2007 ma i contributi per il personale sono rimasti inalterati, rispetto ad un quadro fatto nel 2008. Le quote dei nostri associati (tesseramenti e affiliazioni) sono aumentati del 153% mentre un’attività che è stata straordinariamente e brillantemente portata avanti e che ha fatto ricavi formidabili è l’attività di formazione che è cresciuta del 661% passando da 173.582 a 1.320.601 euro. Un ringraziamento particolare va sicuramente ad Andrea Umili, che nel 2005 fu tanto lungimirante da intraprendere l’attività di formazione. Noi non abbiamo fatto altro che prendere quello che Andrea Umili aveva messo insieme nel 2000 e riportarlo negli anni”

Per maggiori informazioni
www.federpesistica.it
Ufficio Stampa FIPE:
Giulia Sampognaro – comunicazione@federpesi.it
Foto di: Mezzelani GMT

Print Friendly Print Get a PDF version of this webpage PDF

Collegamenti

Cerca nell'archivio

Cerca per data
Cerca per Rubrica
Cerca con Google

Galleria fotografica

Collegati | Disegnato da Volleymania