Ciclismo> Giro d’Italia 105: Simon Yates alla riscossa, Richard Carapaz nuova maglia rosa

Simon Yates è tornato a battere un colpo al 105°Giro d’Italia da Santena a Torino dopo la debacle del Blockhaus. Una tappa (la numero 14 disegnata sui colli torinesi con le ascese di Pilonetto, Superga e due volte il Colle della Maddalena con 3.000 metri di dislivello spalmati in 147 chilometri) interpretata nel migliore dei modi e portata a termine con grande aggressività dal corridore britannico che ha scatenato la reazione degli altri uomini di classifica, compreso Richard Carapaz (Ecu, Ineos Grenadiers) che ha detronizzato Juan Pedro Lopez Perez (Spa, Trek Segafredo). Carapaz guida la classifica generale con 7 secondi su Jai Hindley (Aus, Bora Hansgrohe) e 30 secondi su Joao Almeida (Por, UAE Team Emirates).

Dopo 77 chilometri è stata riassorbita la fuga di Joe Dombrowski (USA, Astana Qazaqstan Team), Filippo Zana (Bardiani-CSF-Faizanè), Ben Zwiehoff (Ger, Bora-hansgrohe), Diego Camargo (Col, EF Education-EasyPost), Diego Rosa (Eolo-Kometa Cycling Team), Ignatas Konovalovas (Lit, Groupama-FDJ), Ivan Sosa (Col, Movistar Team), Alessandro Covi (UAE Team Emirates), Nans Peters (Fra, AG2R Citroën Team), Sylvain Moniquet (Bel, Lotto Soudal), James Knox (GBr, Quick-Step Alpha Vinyl) e Oscar Riesebeek (Ola, Alpecin-Fenix).

A 30 chilometri dal traguardo si è scatenata la bagarre tra i big grazie a un drappello di attaccanti con Perez Lopez, Carapaz, Yates, Almeida, Hindley, Mikel Landa (Spa, Bahrain-Victorious), Pello Bilbao (Spa, Bahrain-Victorious), Domenico Pozzovivo (Intermarché – Wanty – Gobert Materials) e Vincenzo Nibali (Astana Qazaqstan Team).

Non ce l’hanno fatta a tenere il ritmo Guillaume Martin (Fra, Cofidis), Alejandro Valverde (Spa, Movistar Team) ed anche Tom Dumoulin (Ola, Jumbo Visma) che si è poi ritirato.

Gli attacchi si sono susseguiti con Carapaz che in solitaria è riuscito a guadagnare un vantaggio di 30 secondi ma il finale di tappa ha assunto una fisionomia ben definita con Hindley, Nibali, Yates e lo stesso Carapaz a guidare la testa della corsa. Un’ulteriore scossa non tardava ad arrivare con Yates che ha salutato la compagnia e scavato un divario incolmabile per gli inseguitori.

Sul traguardo alle spalle di Yates sono giunti Hindley, il nuovo capoclassifica Carapaz e Nibali con un gap di 15”, quinto posto solitario di Pozzovivo a 28” e sesto per Almeida a 39”.

Già vittorioso il 7 maggio scorso alla cronometro di Budapest, per Yates è la sesta vittoria di tappa in carriera alla Corsa Rosa: “C’era una bella lotta tra gli uomini di classifica ed io mi sentivo che la situazione poteva volgere in mio favore. C’erano tre corridori più forti in salita, dovevo scegliere il momento giusto e l’ho scelto bene. Ho avuto problemi ad un ginocchio e tuttora non sono al 100%. Io mi alzo spesso e volentieri sui pedali e negli scorsi giorni non ci riuscivo tanto che ho pensato anche al ritiro. Oggi mi sento ritornato al livello in cui mi aspettavo di essere. E’ un peccato non poter lottare per la generale ma questa vittoria mi ha ridato morale e forse posso lottare per altre tappe”.

Con l’exploit e il terzo posto nella tappa dei colli torinesi, nona volta in maglia rosa per Carapaz che il Giro lo ha vinto nel 2019: “E’ stata una giornata molto dura. La Bora-Hansgrohe ha attaccato in discesa ed alcuni dei miei compagni di squadra sono rimasti attardati. Domani sarà una giornata molto differente con più montagne, ci dovremo difendere. Paragonato alla prima volta in cui ho preso la maglia rosa sono un corridore più esperto e ho una squadra che mi supporta. La prossima settimana sarà difficile e decisiva”.

ORDINE D’ARRIVO 14°TAPPA SANTENA-TORINO

1. Simon Yates (GBr, Team BikeExchange Jayco) 147 km in 3.43’44” media 39,442 km/h

2. Jai Hindley (Aus, Bora Hansgrohe) a 15”

3. Richard Carapaz (Ecu, Ineos Grenadiers)

4. Vincenzo Nibali (Astana Qazaqstan Team)

5. Domenico Pozzovivo (Intermarché – Wanty – Gobert Matériaux) a 28”

6. João Almeida (Por, UAE Team Emirates) a 39”

7. Mikel Landa Meana (Spa, Bahrain – Victorious) a 51”

8. Pello Bilbao (Spa, Bahrain – Victorious)

9. Emanuel Buchmann (Ger, Bora Hansgrohe) a 1’10”

10. Juan Pedro López Perez (Spa, Trek – Segafredo) a 4’25”

11. Jan Hirt (Cze, Intermarché – Wanty – Gobert Matériaux) a 6’28”

12. Alejandro Valverde (Spa, Movistar Team) a 8’04”

14. Wilco Kelderman (Ger, Bora Hansgrohe)

16. Guillaume Martin (Fra, Cofidis) a 9’37”

17. Lorenzo Fortunato (Eolo Kometa Cycling Team) a 10’16”

22. Giulio Ciccone (Trek Segafredo) a 13’43”

CLASSIFICA GENERALE DOPO LA 14°TAPPA

1. Richard Carapaz (Ecu, Ineos Grenadiers) 58.21’28”

2. Jai Hindley (Aus, Bora Hansgrohe) a 7”

3. João Almeida (Por, UAE Team Emirates) a 30”

4. Mikel Landa Meana (Spa, Bahrain – Victorious) a 59”

5. Domenico Pozzovivo (Intermarché – Wanty – Gobert Matériaux) a 1’01”

6. Pello Bilbao (Spa, Bahrain – Victorious) a 1’52”

7. Emanuel Buchmann (Ger, Bora Hansgrohe) a 1’58”

8. Vincenzo Nibali (Astana Qazaqstan Team) a 2’58”

9. Juan Pedro López Perez (Spa, Trek – Segafredo) a 4’04”

10. Alejandro Valverde (Spa, Movistar Team) a 9’06”

11. Jan Hirt (Cze, Intermarché – Wanty – Gobert Matériaux) a 9’16”

12. Guillaume Martin (Fra, Cofidis) a 9’44”

13. Wilco Kelderman (Ger, Bora Hansgrohe) a 10’44”

16. Lorenzo Fortunato (Eolo Kometa Cycling Team) a 17’02”

17. Simon Yates (GBr, Team BikeExchange Jayco) a 18’44”

22. Giulio Ciccone (Trek Segafredo) a 23’34”

CLASSIFICA A PUNTI

1. Arnaud Démare (Fra, Groupama – Fdj) 238 punti

2. Mark Cavendish (GBr, Quick-Step Alpha Vinyl Team) 121

3. Fernando Gaviria (Col, UAE Team Emirates) 117

CLASSIFICA GRAN PREMI DELLA MONTAGNA

1. Diego Rosa (Eolo-Kometa Cycling Team) 92 punti

2. Koen Bouwman (Ola, Jumbo-Visma) 69

3. Jai Hindley (Aus, Bora Hansgrohe) 62

CLASSIFICA GIOVANI UNDER 25

1. João Almeida (Por, UAE Team Emirates) 58.21’28”

2. Juan Pedro López Perez (Spa, Trek – Segafredo) a 3’34”

3. Thymen Arensman (Ola, Team DSM) a 11’17”

CLASSIFICA A SQUADRE

1. Intermarché-Wanty-Gobert Materiaux 175.07’44”

2. Bahrain Victorious a 7’19”

3. Bora Hansgrohe a 8’05”

LE MAGLIE UFFICIALI

Maglia Rosa, leader della Classifica Generale, sponsorizzata da Enel – Richard Carapaz (Ecu, Ineos Grenadiers)

Maglia Ciclamino, leader della Classifica a Punti, dedicata al Made in Italy – Arnaud Démare (Fra, Groupama-FDJ)

Maglia Azzurra, leader del Gran Premio della Montagna, sponsorizzata da Banca Mediolanum – Diego Rosa (Eolo-Kometa Cycling Team)

Maglia Bianca, leader della Classifica dei Giovani, sponsorizzata da Intimissimi Uomo – Joao Pedro Almeida Gonçalves (Por, UAE Team Emirates)

Photo Credits Alpozzi-D’Alberto-Ferrari-Paolone/LaPresse

Luca Alò
20/05/2022

Print Friendly Print Get a PDF version of this webpage PDF

Collegamenti

Cerca nell'archivio

Cerca per data
Cerca per Rubrica
Cerca con Google

Galleria fotografica

Collegati | Disegnato da Volleymania