Presentato presso il Comune di Sansepolcro il 1° Special Olympics European Unified Youth Basketball Tournament

Il Sindaco Innocenti: “Da ovunque provengano, faremo di tutto per far sentire gli Atleti a casa”

Sansepolcro 14 Settembre 2022 – Si è svolta questa mattina, presso la Sala del Consiglio del Comune di Sansepolcro, la conferenza stampa di presentazione dello Special Olympics Unified Youth Basketball Tournament. La 1° edizione del Torneo Europeo di Basket Unificato, in programma dal 13 al 17 ottobre 2022, coinvolgerà 240 atleti con e senza disabilità intellettive provenienti da 16 nazioni europee; per un totale di 24 squadre partecipanti.

In conferenza sono intervenuti;

Fabrizio Innocenti, Sindaco di Sansepolcro, con Delega allo Sport: “Sono onorato e felice di ospitare questo evento a Sansepolcro. Faremo di tutto per far sentire il nostro calore agli Atleti e alle loro famiglie”

Mario Menichella, Assessore alle politiche sociali di Sansepolcro: “È un’esperienza che si deve fare per convincersi di quanto lo sport sia in grado davvero di superare ostacoli e barriere e quanto possa far bene alla salute come al sociale.

Alessandro Palazzotti, Vicepresidente di Special Olympics Italia: “Veniamo da due anni difficili. I nostri Atleti hanno sofferto più di chiunque altro. Lo scorso giugno siamo potuti finalmente tornare in campo a Torino con i Giochi Nazionali Estivi ed è stata una gioia immensa. Questo appuntamento a Sansepolcro è diverso, c’è di più: è il primo evento internazionale ospitato in Italia dopo la pandemia e porta con sé un messaggio di inclusione con la partecipazione di diversi paesi. Ci collega ai Giochi Mondiali Estivi che si terranno a Berlino nel 2023 e poi ancora ai Giochi Mondiali Invernali che si terranno a Torino nel 2025. Guardiamo sempre al futuro, ai giovani di oggi che tendono all’isolamento ma che, grazie allo sport, possono diventare beneficiari e promotori di una cultura dell’inclusione a 360 gradi. Mi auguro che questo evento sia per questo territorio il primo di una lunga serie in modo da farne tesoro”.

Riccardo Carletti, Assessore allo Sport Comune di Città di Castello: “È un onore per noi ospitare questo evento. Special Olympics ci ha dimostrato che è possibile fare cultura attraverso lo sport e ci lascia sul territorio una preziosa eredità. Gli Atleti non troveranno un territorio diviso a seconda dell’impianto in cui giocheranno, non noteranno confini e si sentiranno a casa. “

Benedetta Calagreti, Assessore alle Politiche Sociali Comune di Città di
Castello: “Grazie per l’opportunità di ospitare questo evento. Oggi ci si preoccupa più di quelle fisiche, c’è ancora poca attenzione alle barriere culturali. Lo sport è lo strumento ideale per chi ha difficoltà, sia fisiche che cognitive, per raggiungere autonomia e inclusione”.
Laura Taddei, Assessore alle Politiche Sociali: “Provo gratitudine, sono profondamente toccata da questa realtà. Mi sono occupata di riabilitazione in passato e conosco quel percorso di reinserimento e il significato della conquista che, di per sé, presuppone una partenza difficile, una sorta di non-abilitazione, per l’appunto. Questi giovani devono poter uscire di casa. Special Olympics è un’attività terapeutica. Lo sport unificato è un obiettivo già reso realtà – fa cadere tanti pregiudizi”.

Un messaggio per gli Atleti in gara è arrivato poi da Giacomo Galanda, ex giocatore della nazionale italiana di basket: “In bocca al lupo cari Atleti, è bello che giochiate proprio a Sansepolcro che è già terreno fertile per il mondo della pallacanestro. Vivrete un momento di straordinaria unione attraverso lo sport. Le volte che ho avuto il piacere di incontrare gli Atleti Special Olympics è stato emozionante. Special Olympics per me è un pezzo di cuore e ci voglio essere. Spero di vederci presto sui campi! “,

In rappresentanza degli Atleti è intervenuto Mirco Tiossi che al Torneo scenderà in campo con la maglia azzurra: “Sono emozionato dentro. Sono felice di partecipare al torneo e di essere qui oggi. Gioco a basket dal 2016 e Special Olympics mi ha cambiato la vita. Mi ha permesso di viaggiare e di stringere tante amicizie anche all’estero, di credere in me stesso e di affrontare le difficoltà con determinazione e sempre con il sorriso”.

Gli atleti, di età compresa tra i 14 ed i 30 anni, provenienti da Belgio, Bulgaria, Cipro, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Lettonia, Lituania, Norvegia, Polonia, Romania, Serbia e Spagna, oltre a 4 Team italiani, (provenienti da Abruzzo, Calabria, Lombardia, Piemonte, Puglia, Toscana e Veneto) gareggeranno, a Sansepolcro, Anghiari e Città di Castello, in un torneo composto da 24 squadre.

Attraverso lo sport unificato, atleti con e senza disabilità intellettive hanno l’opportunità di giocare insieme nella stessa squadra, ponendo le basi per il superamento di barriere, quali stereotipi e pregiudizi, ancora oggi esistenti. Lo sport unisce, aiuta la comprensione e la conoscenza, favorendo una cultura del rispetto alla quale educare soprattutto i giovani.

In qualità di Atleta partner Special Olympics, senza disabilità intellettiva, è intervenuto Leonardo Leonardi: “Gioco con Mirco da circa 8 anni, ne abbiamo passate tante insieme e le sue parole mi hanno emozionato. Conoscere ognuno di questi Atleti sul campo e stato emozionante ed illuminante fin dal primo giorno. Alcuni di loro non avevano mai preso un pallone in mano ed insegnare loro questo sport è stato davvero edificante. Quello che loro insegnano a me ogni giorno ha un valore inestimabile: non mollare mai e dare tutto allo sport”

Sono intervenuti inoltre Riccardo Bonauguri, Presidente Lions Club Sansepolcro e Michele Allegrini, Presidente della Dukes Basket Sansepolcro.

Il giuramento dell’Atleta Special Olympics, recitato da Mirco Tiossi ha chiuso la conferenza stampa: “Che io possa vincere, ma se non riuscissi, che io possa tentare con tutte le mie forze”.

A questo punto l’appuntamento è direttamente in campo a partire dal 13 ottobre

L’evento, finanziato dall’Unione Europea attraverso il Programma Erasmus Plus è reso possibile anche grazie al supporto di Toyota.

Giampiero Casale
Responsabile Ufficio Stampa & Comunicazione
Special Olympics Italia
Mobile: 3280741101
Email stampa@specialolympics.it

Special Olympics è il programma internazionale di allenamenti e competizioni atletiche per le persone con disabilità intellettive. Lo sport, offrendo continue opportunità di dimostrare coraggio e capacità, diventa un efficace strumento di riconoscimento sociale e di gratificazione, una palestra di vita che offre l’opportunità di mettersi in gioco per valorizzare le proprie capacità. Attraverso il potere dello sport, praticando sport, le persone con disabilità intellettive, sono messe nelle condizioni di scoprire nuove attitudini e capacità, abilità e successi. I nostri Atleti scoprono la gioia, la fiducia in se stessi e la piena soddisfazione – sul campo di gioco e nella vita. Possono così diventare fonte d’ispirazione per altre persone, nelle loro comunità, per aprire il cuore ad un mondo più ampio di talenti umani e potenzialità.

Special Olympics nasce, nel 1968 dall’intuizione di Eunice Kennedy Shriver, la Fondatrice che nel 1968 diede il via ufficiale al Movimento con i Primi Giochi Internazionali di Chicago, Illinois, come un programma sportivo esclusivo, pensato per le persone con disabilità intellettive, oggi, coinvolgendo un numero sempre crescente di giovani senza disabilità, è diventato un Movimento sportivo e culturale inclusivo, aperto a tutti, anche alle persone senza disabilità intellettive che possono partecipare agli eventi non solo come volontari, ma anche in qualità di Atleti Partner. Lo sport unificato rappresenta oggi il mezzo più importante per raggiungere il traguardo della piena inclusione.
Si tratta di un messaggio di grande speranza rivolto a milioni di persone, ai loro familiari e alla comunità tutta.
Oggi Special Olympics è riconosciuto dal Comitato Olimpico Internazionale e i suoi programmi sono adottati in 200 Paesi. Special Olympics Italia, riconosciuta Associazione Benemerita dal CONI e dal CIP e opera in tutte le regioni. Sono presenti in tutta Italia Team Special Olympics che allenano gli atleti nei seguenti sport.
Sport ufficiali: Atletica leggera, Badminton, Bocce, Bowling, Calcio, Canottaggio, Equitazione, Ginnastica artistica, Ginnastica ritmica, Golf, Indoor Rowing, Nuoto, Nuoto in acque libere, Pallacanestro, Pallavolo, Sport Invernali (Corsa con le Racchette da neve, Sci alpino, Sci nordico, Snowboard) Rugby, Tennis e Tennistavolo.

Sport dimostrativi: Beach Volley, Danza Sportiva, Dragon Boat, Pallanuoto, Triathlon e Vela.

Sport Sperimentali: Floorball, Karate

Sono previste gare di sport unificato nelle seguenti discipline: Atletica leggera (staffetta), Badminton, Bocce, Bowling, Calcio, Canottaggio, Corsa con le racchette da neve, Karate, Nuoto (staffetta), Nuoto in acque libere, Pallacanestro, Pallavolo, Rugby, Tennis e Tennistavolo.

Ogni anno una rappresentativa italiana viene chiamata a partecipare alternativamente ai Giochi Mondiali, Invernali o Estivi. Il programma Special Olympics è adottato in 200 Paesi. Si calcola che nel mondo ci siano 5,755,056 Atleti, 627.452 famiglie e 1,114,697 volontari che ogni anno collaborano alla riuscita di 103,540 grandi eventi nel mondo.

Il giuramento dell’Atleta Special Olympics è: Che io possa vincere ma se non riuscissi che io possa tentare con tutte le mie forze.

Seguici su: Twitter @soitalia, Fb.com Special.Olympics.Italia, youtube specialolympicsitaly, Instagram special_olympics_italia e sito: specialolympics.it

Featured Links

Search Archive

Search by Date
Search by Category
Search with Google

Photo Gallery

Log in | Designed by Volleymania