Rugby> Scelte le 23 fiamme per la finale contro San Donà

Guidi: «Una finale è una partita a sé, perché ci si gioca tutto in 80 minuti e non c’è gara di ritorno. Sarà sicuramente un match duro e difficile, soprattutto perché ce lo andiamo a giocare con la squadra attualmente più in forma del campionato, ma questa sarà sicuramente una motivazione in più per far bene e per dimostrare a noi stessi che possiamo rialzare la testa. In più, scenderemo in campo in uno degli stadi più belli e caldi d’Italia e sarà una più che degna cornice per una finale che si rispetti».
Roma – Primo obiettivo stagionale per le Fiamme che domenica 25 febbraio, alle 15, affronteranno il Rugby San Donà nella finale del Trofeo Eccellenza, nella suggestiva cornice dello stadio “Mario Battaglini” di Rovigo, già teatro della storica vittoria all’ultimo secondo nel 2014 proprio contro i rossoblu locali .
Il XV della Polizia di Stato, già vincitore in passato di 5 Coppa Italia e di un Trofeo Eccellenza, si troveranno di fronte la stessa squadra con la quale sta lottando per il raggiungimento di un posto in zona playoff in campionato. Dunque, una “sfida nella sfida”, ma stavolta in una partita secca e che non consente prove d’appello.
Sarà fondamentale per i Cremisi mostrare una reazione dopo le due sconfitte consecutive in campionato con Calvisano e quella casalinga contro il Reggio Emilia che ancora brucia a Ponte Galeria, e la finale del Trofeo Eccellenza arriva quasi ad hoc per poter ritrovare la fiducia nei propri mezzi e ricominciare il percorso in campionato per arrivare alla meta finale del quarto posto.
Ma l’avversario da affrontare, oltre alle condizioni meteo avverse previste per domenica prossima che renderanno il prato del “Battaglini” particolarmente pesante, non è tra i più semplici, anche per una tradizione che vede le partite con il San Donà tra le più agguerrite nonché tra quelle con il risultato sempre in bilico fino all’ultimo minuto, così come conferma coach Gianluca Guidi: «Una finale è una partita a sé, perché ci si gioca tutto in 80 minuti e non c’è gara di ritorno. Sarà sicuramente un match duro e difficile, soprattutto perché ce lo andiamo a giocare con la squadra attualmente più in forma del campionato, ma questa sarà sicuramente una motivazione in più per far bene e per dimostrare a noi stessi che possiamo rialzare la testa. In più, scenderemo in campo in uno degli stadi più belli e caldi d’Italia e sarà una più che degna cornice per una finale che si rispetti».
Questi i 23 giocatori scelti dallo staff tecnico per la partita: in prima linea i piloni saranno Niccolò Zago e George Iacob, con Alain Moriconi a tallonatore, mentre la seconda linea sarà appannaggio della consolidata coppia formata da Davide Fragnito ed Emiliano Caffini; i due flanker saranno Simone Favaro e Filippo Cristiano, al rientro dal primo minuto dopo lo stop per l’infortunio all’occhio, con capitan Mirko Amenta a chiudere il pacchetto di mischia; Simone Parisotto e Luca Roden saranno i due mediani, mentre il reparto dei trequarti sarà chiuso dalle due ali, Andrea Bacchetti e Junior Ngaluafe, con i centri Roberto Quartaroli e Matteo Gabbianelli, e Chauncy Edwardson a estremo. In panchina andranno Amar Kudin, Fabio Cocivera, Alessio Ceglie, Gianmarco Duca, Matteo Zitelli, Guido Calabrese, Filippo Buscema e Giovanni Massaro.
Sarà il lecchese Luca Trentin ad arbitrare l’incontro, insieme ai due assistenti, Blessano e Gnecchi, e al quarto uomo Salafia.

La probabile formazione
Edwardson; Ngaluafe, Gabbianelli, Quartaroli, Bacchetti; Roden, Parisotto; Amenta (cap.), Cristiano, Favaro; Caffini, Fragnito; Iacob, Moriconi, Zago
A disposizione: Kudin, Cocivera, Ceglie, Duca, Zitelli, Calabrese, Buscema, Massaro

24 febbraio 2018

Cristiano Morabito – Media manager Fiamme Oro Rugby

Print Friendly Print Get a PDF version of this webpage PDF

Collegamenti

Cerca nell'archivio

Cerca per data
Cerca per Rubrica
Cerca con Google

Galleria fotografica

Collegati | Disegnato da Volleymania