Rugby> Un Petrarca corsaro al Gelsomini batte le Fiamme 36-27

Guidi: «Sono soddisfatto di alcune situazioni, ma non possiamo pensare di competere in una semifinale scudetto senza touche. Se vogliamo competere con queste squadre dobbiamo giocare bene fondamentali come conquista, placcaggi e punti d’incontro. Per il nostro progetto triennale è importante vivere giornate come questa perché ci sono necessarie a capire l’entità del gap che ci divide da squadre come quella che abbiamo incontrato oggiAggiungi un appuntamento per oggi. Sono molto contento dei momenti finali del match in cui la squadra non si è disunita e questo lascia un po’ di speranza anche per la settimana che ci divide dal ritorno».

Roma – Non ce la fanno le Fiamme a battere la squadra che ha chiuso la regular season al primo posto: il Petrarca esce vittorioso per 36 a 27 dal sintetico di Ponte Galeria segnando ben cinque mete, conquistando cinque punti e lasciando i Cremisi a bocca asciutta.
Eppure, nonostante il punteggio finale, il XV della Polizia di Stato ha dimostrato in pieno di essersi meritato l’accesso ai playoff e per un tempo è riuscito a creare più di un grattacapo ai “Tuttineri”, salvo poi, a causa dei molti errori commessi soprattutto nelle rimesse laterali, concedere il fianco agli ospiti che, nella seconda frazione di gioco, hanno anche rischiato di dilagare.
Ma, quella di oggi, per le Fiamme è stata una prova di maturità: certamente il punteggio, in vista della gara di ritorno, non è dei migliori, ma comunque, contro le cinque mete subite, restano le tre segnate e l’amaro in bocca per alcune occasioni non sfruttate al meglio.
Una partita, dunque, che soddisfa a metà anche coach Gianluca Guidi che, alla fine degli ottanta minuti, dichiara: «Quando prendi cinque mete non puoi essere contento. Sono sicuramente soddisfatto di alcune situazioni, ma non possiamo pensare di competere in una semifinale scudetto senza touche. A parte questo, non siamo così tanto lontani dal Petrarca, ma non possiamo pensare di sbagliare quattro touche dalle quali poi prendiamo 21 punti. Se vogliamo competere con queste squadre dobbiamo giocare bene fondamentali come conquista, placcaggi e punti d’incontro. Per il nostro progetto triennale è importante vivere giornate come questa perché ci sono necessarie a capire l’entità del gap che ci divide da squadre come quella che abbiamo incontrato oggiAggiungi un appuntamento per oggi. A Padova bisogna fare i complimenti perché ha giocato sì sugli sbagli nostri, ma ha lo ha fatto molto bene e quando c’era da farci male ce ne ha fatto anche tanto. Sono molto contento dei momenti finali del match in cui la squadra non si è disunita: prendere un’altra meta sarebbe stato troppo pesante e invece ne ha segnata una. Questo lascia un po’ di speranza anche per la settimana che ci divide dal ritorno: se vogliamo stare al passo delle grandi, dobbiamo rivaleggiare con loro e dobbiamo andare a Padova per giocarci la partita. Per il nostro processo di crescita è veramente importante».
Dunque, le Fiamme, che oggi hanno giocato la loro ultima partita davanti al proprio pubblico, ripartiranno da un -9 nella gara di ritorno a Padova che si giocherà sabato 5 maggio prossimo.

Il tabellino
Roma, Caserma “Stefano Gelsomini” – Sabato 28 aprile 2018
Eccellenza, Semifinale play-off (andata)
Fiamme Oro Rugby v Petrarca Padova 27-36 (10-22)
Marcatori: p.t. 2’ Bettin (0-5); 20’ m. Cristiano tr. Buscema (7-5); 26’ c.p. Buscema (10-5); 29’ m. Santamaria tr. Menniti-Ippolito (10-12); 34’ c.p. Menniti-Ippolito (10-15); 38’ m. Trotta tr. Menniti-Ippolito (10-22); s.t. 43’ c.p. Buscema (13-22); 46’ m. Riera tr. Menniti-Ippolito (13-29); 48’ m. Capraro tr. Menniti-Ippolito (13-36); 53’ m. Quartaroli tr. Buscema (20-36); 80’ m. Ceglie tr. Buscema (27-36)
Fiamme Oro Rugby: Edwardson; Sepe, Quartaroli, Gabbianelli (62’ Massaro), Bacchetti; Buscema, Parisotto (60’ Calabrese); Amenta (cap.) (56’ Licata), Cristiano, Bianchi (47’ Favaro); Cornelli, Fragnito (72’ Duca); Iacob (60’ Ceglie), Moriconi (47’ Kudin), Zago (54’ Cocivera)
all. Guidi
Petrarca Padova: Ragusi (56’ Rizzi); Capraro, Bettin, Riera, Rossi; Menniti-Ippolito, Su’a (39’ Francescato); Trotta, Conforti (56’ Nostran), Lamaro; Saccardo (cap.) (53’ Salvetti), Gerosa (49’ Cannone); Rossetto (53’ Vannozzi), Santamaria (60’ Marchetto), Borean (49’ Acosta).
all. Marcato
Arb.: Blessano (Treviso)
AA1: Trentin (Lecco); AA2: Vedovelli (Sondrio)
Quarto Uomo: Chirnoaga (Roma)
Quinto Uomo: Salvi (L’Aquila)
TMO: Passacantando (L’Aquila)
Cartellini:
Calciatori: Menniti-Ippolito (Petrarca Padova) 5/6; Buscema (Fiamme Oro Rugby) 5/5
Note: Giornata calda e soleggiata. Presenti circa 1300 spettatori.
Punti conquistati: Fiamme Oro Rugby 0; Petrarca Padova 5
Man of the match: Andrea Trotta (Petrarca Padova)

28 aprile 2018

Cristiano Morabito – Media manager Fiamme Oro Rugby

Print Friendly Print Get a PDF version of this webpage PDF

Collegamenti

Cerca nell'archivio

Cerca per data
Cerca per Rubrica
Cerca con Google

Galleria fotografica

Collegati | Disegnato da Volleymania