Anna Riccardi, dirigente IAAF e amazzone romana, premia gli olimpionici dell’Atletica

Anna Riccardi, membro del Council della IAAF (Federazione Atletica Internazionale), è una appassionata amazzone romana, legatissima al suo bel grigio Disizau. Raggiunta telefonicamente in chiusura di questa 30sima edizione dei Giochi Olimpici di Londra, dove, in virtù del suo prestigiosissimo incarico internazionale ha premiato numerosi esponenti dell’Atletica, ci ha raccontato di questa sorprendente edizione delle Olimpiadi che la Gran Bretagna ha saputo realizzare:
“ E’ stata una esperienza unica, una edizione dei Giochi che gli inglesi hanno saputo rendere veramente speciale. Per l’Atletica – come per ogni altra disciplina, del resto – una opportunità di visibilità enorme: oltre 80.000 spettatori hanno assistito alle gare e questo ha reso alla disciplina una grande possibilità di crescita. Sono stata molto occupata dall’attività dell’Atletica, ma ho potuto seguire anche qualche gara degli Sport Equestri: Greenwich Park era affollatissimo, lo scenario da favola che è stato realizzato per il percorso di campagna del Completo ha visto il pubblico presente numeroso ad ogni ostacolo: è stato più che emozionante … Tutta la stampa qui a Londra e in Gran Bretagna sta parlando dell’orgoglio nazionale che in questa occasione – più che meritatamente – pervade ogni commento sulle Olimpiadi appena concluse.”
Anna Riccardi, nel 2011 è stata riconfermata nel prestigioso ruolo membro del Council della IAAF , risultando la più votata (156 preferenze su un totale di 195 voti validi, pari all’ottanta per cento) nella quota riservata alle donne. La dirigente romana è responsabile degli uffici Internazionale e Marketing della FIDAL, brillante Meeting Director del Compeed Golden Gala, e da sempre apprezzata dirigente in ambito internazionale.

Fise Lazio

Print Friendly Print Get a PDF version of this webpage PDF

Collegamenti

Cerca nell'archivio

Cerca per data
Cerca per Rubrica
Cerca con Google

Galleria fotografica

Collegati | Disegnato da Volleymania